MONTE SODADURA

Dal caratteristico borgo di Fraggio, passata la bella chiesa quattrocentesca di S. Lorenzo, risaliamo alle spalle dell’abitato di Fraggio fino ad incrociare il sentiero che proviene da Pizzino. Lo seguiamo a sinistra fino al ponte con barriere blu, superato il ponte, proseguiamo sulla sterrata sino al sentiero a sinistra, riconoscibile da un fiocco di cellophane bianco. Con maggior pendenza risaliamo il sentiero fino ad una baita di contadini con il tetto rosso e alcuni ruderi di abitazioni. Continuiamo sul sentiero sino a raggiungere l’ampia sterrata proveniente da valle che seguiremo verso sinistra fino ad arrivare ai Piani di Artavaggio. Risaliamo verso nord lungo un tratto ripido che ci porterà ad al Rifugio Nicola, risaliamo leggermente dietro il rifugio per poi piegare verso destra, dopo pochi minuti di camminata ci troviamo di fronte alla cresta nord-est del Monte Sodadura. Dopo un’attenta valutazione della neve, procediamo sull’affilata cresta fino a raggiungere la vetta.

Scarica la locandina