Cima Grem

Dal parcheggio, guardando verso il “Bar Siesta”, si nota un primo cartello su un palo che ci indica di seguire, verso sinistra, il sentiero 239 e 223. Si entra nelle caratteristiche case del paese fino a prendere uno stretto sentiero con un muro a secco che risale nel bosco. All´intersezione con un altro sentiero proveniente da destra seguire lo stesso verso sinistra. Proseguendo si raggiunge una casa, cartello con indicazione per Cima Grem su un albero. Si giunge al bivio che unisce il sentiero che sale da Zambla Alta con il nostro che sale da Oneta. Si prosegue verso destra seguendo le indicazioni per Cima Grem. Si abbandona poi il sentiero che prosegue verso il Rif. Grem, piegando a sinistra (indicazioni), uscendo dal bosco, e si accede al lunghissimo pendio S del Grem. In pochi minuti si giunge ad una prima casa. Si prosegue su pendii molto ampi, privi di alberi e con pendenza molto lieve e costante. Si giunge quindi ad una seconda costruzione con muretto a secco ed infine alla Baita Alta (o terza baita) a quota 1613 m. Si oltrepassa la baita tenendola sulla nostra sinistra, si prosegue nel grande vallone soprastante puntando, verso sinistra, alla cresta che andremo a rimontare, che ora si fa un poco più ripida. Si prosegue risalendo un più ripido pendio che risale al dosso di inizio cresta. Si segue la cresta iniziale fino a vedere alla nostra sinistra la larga e piatta cresta terminale del Grem. Si segue comodamente quest´ultima fino a giungere alla bella croce di vetta. La vista spazia sull´Alben, sul Menna, sul Pizzo Arera e, più lontano, sulla Presolana e sul Carè Alto. Discesa: come per la salita.

Scarica la locandina