Lago di Lova

Dalla Piazza Umberto I salire lungo Via San Fermo. In cima alla via (frecce direzionali) incamminarsi a destra per Via Navertino. Lasciate le ultime case del paese, si transita davanti ad un abbeveratoio, si fiancheggiano alcune cascine e si raggiunge la località Navertino, dove la strada comincia a salire più decisamente. Si passa davanti alla cappelletta votiva di Sedulzo, si raggiunge un ponte con a fianco una fontana di legno e si sale al bivio che precede la conca dove è situato il lago di Lova (ore 1), da qui raggiungibile in pochi minuti. Al bivio (frecce direzionali), prendere a sinistra, passare un secondo ponte ed arrivare alla cascata di Lovareno. Al limitare del bosco (frecce direzionali), girare a sinistra, dove lo sguardo può spaziare sui vasti pascoli del Pian di Merì (ore 1,30). La stradina procede a mezzacosta ed in falsopiano fino alla Malga Moren m. 1595 (ore 2,00). Si percorre un breve tratto su fondo sassoso e si entra nuovamente nel bosco. Si continua in moderata pendenza fino al rifugio San Fermo m. 1868 (ore 2,30). Per la discesa: ritorniamo sui nostri passi di qualche centinaio di metri fino ad arrivare al bivio che porta alla malga S. Fermo, entriamo nella strada che porta alla malga, alla nostra sx si pesenta una piccola costruzione, la aggiriamo e troveremo un segnavia CAI n. 100, lo seguiamo fino a raggiungere la malga Zumella, proseguiamo su sentiero n. 100 fino ad arrivare al punto di partenza.

Scarica la locandina